14 Dicembre 2018

un tuffo nel passato delle tradizioni delle valli
percorso: Home

Fili di seta tra arte e lavoro

Sbozzolatura nella "Coort di Munighitt" Orino

Nel nostro territorio una integrazione ai bilanci familiari veniva, dalla bachicoltura: nelle campagna erano presenti i gelsi che servivano per allevare i Bachi. In alcuni periodi dell´anno per tutto il paese di Orino si sentiva un rumore di fondo incessante: erano i bachi che si nutrivano delle foglie di gelso. I bachi da seta venivano posti su graticci e finivano la loro crescita. Poi, i bozzoli, (i gallett), venivano portati alla galetera di Castel Cabiaglio dove c´era la grande azienda di lavorazione della seta che nel 1894 impiegava ben 207 donne. Le donne, in genere bambine, svolgevano il filo di seta tenendo il bozzolo sopra un catino con l´acqua calda, così che le imprese minori venivano indicate con il numero di bacinelli, anche solo tre o quattro, molte sono le foto di corti dove le donne si riunivano a svolgere il filo di seta del bozzolo.

(Fonte: Libro: "Orino piccolo Borgo Antico" - Referenze Fotografiche: Archivio Fam. Cellina, Maurizio Cellina, Gisella Porro)


Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata